Guide turistiche protestano a Pompei: appello a Di Maio e Salvini

Protesta delle guide turistiche, davanti agli Scavi di Pompei. I manifestanti hanno lanciato un appello a tutela della professionalità ai ministri Salvini e Di Maio.

 

“Da 5 anni – dicono le guide – l’Italia si è piegata agli interessi dei grandi tour operator tedeschi svilendo la nostra professionalità, a discapito dell’occupazione, dell’erario dello Stato e dei turisti che visitano i nostri siti culturali”.

 

Circa 200 le guide della Campania davanti all’ingresso degli Scavi di Pompei, a Porta Marina inferiore. Dalle 9, con cartelli con slogan riassuntivi della vertenza, hanno pacificamente rappresentato i problemi della categoria, distribuendo ai visitatori del parco archeologico di Pompei volantini in cui raccontano gli anni di “battaglie andate finora a vuoto”.

 

stralcio da www.travelnostop.com