Federagit Toscana: agonia guide sos lavoro alla Regione

La presidente nazionale Valentina Grandi su La Nazione

Le guide turistiche e gli accompagnatori della Toscana sono in una situazione drammatica, in particolare chi lavora con flussi turistici internazionali nelle città d’arte: tutti senza lavoro dall’autunno scorso.

 

I risparmi sono finiti, Inps e Agenzia delle Entrate continuano a mandare avvisi di ravvedimenti per contributi previdenziali e saldi Irpef che molti professionisti a partita Iva non sono stati in grado di saldare ad agosto scorso e che non sono in grado di pagare neppure ora perché non hanno potuto lavorare.

 

La Regione Toscana ha pubblicato un bando estremamente complesso, calibrato su aiuti alle imprese accessibile anche alle guide, tutto impostato su un click day che oggi è stato spostato di una settimana, al 15 ottobre 2020.

 

Abbiamo bisogno di aiuti urgenti per cercare di resistere a questi mesi e, pur ringraziano la giunta regionale per aver stanziato dei fondi a favore del comparto turistico, riteniamo che la formula del "chi primo arriva e meglio alloggia" con un bando tarato sulle imprese, sia profondamente ingiusta e penalizzante per tutti e in particolare per guide turistiche e accompagnatori toscani: le risorse devono andare a chi ne ha realmente bisogno e non a chi arriva prima.

 

Per questo chiediamo alla Regione Toscana di rivedere il principio del click day per la distribuzione delle risorse previste dal bando. Inoltre, sempre alla Regione Toscana, chiediamo di spostare una parte dei fondi previsti per la promozione sulle visite guidate, in modo da valorizzare l’immenso patrimonio artistico impiegando le competenze delle guide turistiche e creando importanti opportunità di lavoro nel nostro settore.

 

Riteniamo che una politica di valorizzazione di tutto il patrimonio culturale con visite guidate finanziate dalla Regione, potrebbe avere un effetto propulsore in questi mesi attirando potenziali visitatori con un’importante effetto moltiplicatore su tutta la filiera del turismo.

 

Alla nuova giunta e al presidente Giani vorrei dire: noi siamo pronti a collaborare e a lavorare, dateci lavoro per favore, e nessun click day!

 

Stralcio da LaNazione.it